Home TravelQuotidiano













20150816_153926L’Alaska evoca, in tutti noi, scenari legati alla corsa all’oro, alle bianche distese innevate percorse da slitte trainate da cani ululanti e alle avventure del grande nord, assieme ai vicini stati canadesi di Yukon e Klondike. Storicamente territorio appartenente alla Russia, nel 1867 il Presidente degli Stati Uniti Andrew Johnson (1808 -1875) e il suo Segretario di Stato William Seward (1801-1872), proposero l’acquisto dell’Alaska per un cent all’acro e, quindi, per un totale di oltre sette milioni di dollari.

L'estensione dell'Alaska paragonato al territorio degli USA

L’estensione dell’Alaska paragonato al territorio degli USA

Complessivamente il territorio che passò agli Stati Uniti aveva un’estensione di circa 1.600.000km², un quinto circa degli Stati Uniti continentali, lo stato più ampio (il Texas, grande la metà dell’Alaska, è il secondo) ammesso all’Unione il 3 gennaio 1959, quale 49° stato, dopo essere stato per quasi un secolo “Territorio”.  L’Alaska è si tutto questo spazio, ma anche molto di più. E’ un luogo in cui dominano la natura, la vastità dei boschi e delle montagne, la neve perenne a fare da sfondo spalmata sulle montagne, sempre lontane, il mare freddo e i ghiacciai che

L'Alaska è separato dalla Russia dallo stretto di Bering

L’Alaska è separato dalla Russia dallo stretto di Bering

vi si tuffano e si sfaldano con fragorosi schiocchi lasciando cadere scaglie di ghiaccio in mare. E’ qui che si vive come nelle città americane continentali, con le dovute proporzioni, ma anche come nell’epoca della corsa all’oro, quel 1849 immortalato da Jack London nei suoi sempiterni romanzi. La fantasia si mescola alla realtà e un viaggio in Alaska non è solo nello spazio ma, concedetecelo, anche nel tempo.